Cannabis… Che sballo!!!



23 luglio 2012 ore 16:31 , scritto da Daniela Bartoloni

Nella mia esperienza di operatrice ho condiviso più volte con i miei colleghi appartenenti sia alla comunità “Nuovi Orizzonti”, sia ad altri servizi, il fatto che i giovani che incontriamo oggi nelle scuole, nelle strade e nei vari punti di aggregazione e che dicono di fare uso di sostanze stupefacenti, anche limitatamente alla cannabis, risultano essere maggiormente colpiti da danni cerebrali più o meno lievi. I ragazzi stessi, additandosi l’un l’altro, spesso si definiscono “bruciati”. Di certo tale fenomeno è da ascrivere alla sempre maggiore concentrazione di principio attivo presente nelle droghe e l’uso contemporaneo di altre sostanze stupefacenti sinergizzanti e alcol, tuttavia va considerato un aspetto del tutto nuovo e di grande tendenza fra i giovani, cioè l’uso di molecole di sintesi ossia di molecole preparate artificialmente in laboratorio.

Le organizzazioni internazionali deputate al controllo delle droghe ad uso “ricreazionale”, hanno individuato le molecole di sintesi e per lo più si tratta di cannabinoidi sintetici; sono, lo ripetiamo, molecole di sintesi che vengono aggiunte alle miscele vegetali, per cui si definiscono “herbal mixture” o “herbal blend”, che presentano degli effetti assolutamente nefasti: dopo soli dopo dieci minuti si può sviluppare congiuntivite, aumento del battito cardiaco, xerostomia e un’ alterazione della percezione dell’umore, disturbi del sistema cardiovascolare e del sistema nervoso, quali tachicardia e temporanea perdita della conoscenza. In alcuni casi sono stati registrati effetti quali agitazione psicomotoria, attacchi di panico e stati confusionali. Gli assuntori pensano spesso di usare sostanze molto potenti, del tutto naturali e simili alla cannabis, in realtà c’è una componente artificiale pericolosissima.

Vorrei fare un ultimo accenno al legame fra musica giovane, rap e hip hop, e cannabis. Di certo non desidero demonizzare un genere che ha anche rappresentanti che manifestatamente non aderiscono ad uno stile di vita trasgressivo (ad es. Frankie Hi Nrg, Melle Mel & the Furious Five), tuttavia credo sia giusto dire che: i pezzi di oggi esaltano il consumo di droghe e in particolare di marijuana, e che sono testi generalmente indirizzati ai più giovani, i quali spesso li ascoltano senza il controllo e la coscienza critica dei genitori. In definitiva,alla luce degli studi attuali, rincorrere quella che Gli Articolo 31 cantano “Maria Maria” (Messa di Vespiri – 1994), i Sud Sound System “Erba erba” (Comu na petra – 1996) e Dj Brusco “L’erba della giovinezza” (Amore vero – 2006) è davvero una scelta per il proprio bene e per la propria felicità? E’ davvero, nella sua accezione positiva, uno sballo?