LA “GIOIA PIENA” NEL VIVERE IL SOGNO CHE GESU’ HA PENSATO PER NOI



13 luglio 2017 ore 17:35 , scritto da cavalieridellaluce

11665697_483109315198809_7526004689034516123_n-780x410Il Festival dei Giovani a Petrella Tifernina, in Molise, dal 24 al 28 agosto 2017. Sulla scia del festival di Medjugorje e del carisma di Nuovi Orizzonti: mettersi in ascolto e lasciarsi andare a ciò che Lui ci chiede, per realizzare il suo progetto d’amore unendo i nostri talenti.

Scritto da Manuela Garofalo 

Cosa è il Festival dei Giovani “Gioia Piena”? Sembrerà strano, ma pur avendo preso l’impegno di seguire la comunicazione di questo evento, fino a pochi giorni fa non avrei saputo rispondere alla domanda. Non è il massimo per chi dovrebbe comunicare alla stampa di cosa si tratta e cercare di sensibilizzare ed incuriosire gli altri per spingerli a partecipare.

La verità è che, infondo, Gioia Piena non è un evento come gli altri. È un messaggio grande, troppo grande per essere compreso così, senza viverlo, senza entrare nello spirito che guida chi lo ha ideato, chi lo ha voluto, ma soprattutto nel sogno del Regista che sta costruendo tutto questo attraverso la nostra timida, sincera ma a volte incerta disponibilità ad essere piccoli strumenti.

Perché è così che mi sento. Uno strumento nelle Sue mani che ha detto Si pur non sapendo realmente a chi o per che cosa. Sarà stata l’incoscienza, o il desiderio di dare un senso al dolore, alle incertezze, ai dubbi, o di provare a fare qualcosa di positivo, di costruttivo, di bello, nel mio piccolo e per quel poco che ne sono capace.

Non so se ci sia riuscita e neanche se ci riuscirò. Ma una cosa ora la so: lavorando per la realizzazione di questo festival, confrontandomi con alcuni ragazzi di Nuovi Orizzonti e con tanti ospiti che saranno qui con noi in quei giorni, ho avuto la risposta a ciò che Gesù intende quando parla di “mettere a frutto i nostri talenti”.

Ad ogni workshop da presentare, dovendo descrivere il senso di quell’attività nel festival, mi sono ritrovata a chiedermi e a chiedere: “come si può evangelizzare con il giornalismo, o con la fotografia, o con la danza?”

E già mentre me lo domandavo, fermandomi a pensare per qualche attimo in più, arrivavano dei messaggi. Le Giornate di Spiritualità, le parole di Chiara Amirante, quei giorni speciali trascorsi a Cittadella Cielo, avevano già suggerito al mio cuore delle piccole preziose risposte: Dio ci parla attraverso i nostri sogni, i nostri talenti, i nostri desideri. E se noi li offriamo, se li mettiamo nelle Sue mani e cerchiamo di renderli concreti guardando verso il fine ultimo che sono il bene e l’amore, possiamo evangelizzare.

Possiamo vivere i nostri sogni con speranza, anche se il mondo ci dice che non ce la faremo mai. Possiamo trovare il coraggio della verità, della correttezza, di guardare alla bellezza senza chiudere gli occhi, le orecchie e la bocca di fronte ad una realtà in cui il male c’è e si fa sentire. Come? Affidandoci a Gesù.

Se è vero che i nostri talenti sono un Suo dono, se è vero che è Lui a mettere nel nostro cuore i sogni per cui siamo disposti lottare, se è vero che Lui ci parla attraverso i nostri desideri più profondi, allora il nostro compito sarà quello di metterci all’ascolto. Imparare ad ascoltarlo per capire qual’è il Suo messaggio per noi.

Non è semplice, almeno per me, come non è semplice rispondere alla domanda su cosa sia il Festival dei Giovani “Gioia Piena”.

banzato-petrPerché questo evento, a cui tante persone stanno umilmente lavorando per realizzarlo, sarà il perfetto mix di condivisioni, musica, testimonianze, preghiera, workshop, di cui Gesù si servirà per mandare non un messaggio, ma “il messaggio”, preciso e personale che ha pensato per ognuno di noi. Cosa sogna per noi, qual è la strada della verità e del bene che Lui ci indica, quali avvincenti sfide ci chiede di intraprendere.

Ecco perché non posso sapere cosa questo Festival lascerà nel nostro animo, quali emozioni e quali sensazioni arriveranno ai nostri cuori, o se saremo in grado di realizzare ciò che Lui ci sta chiedendo.

Ma se pensiamo alla Sua promessa, e cioè che unendo i nostri doni, con gesti concreti e tangibili e con lo sguardo verso il Cielo, “tutto è possibile”, e che già dicendo il nostro sincero Si possiamo vivere piccoli momenti di Gioia Piena, come facciamo a non provarci?

 

MAGGIORI INFORMAZIONI:

SITO UFFICIALE & ISCRIZIONI: https://www.gioiapienafestival.it

Pagina Facebook Ufficiale: https://www.facebook.com/Gioia-Piena